Tentativi di Fuga

"la fuga è invece l'unica scelta dignitosa quando non puoi cambiare più nulla, e non vuoi neppure lasciarti coinvolgere, diventare complice" (pino cacucci)

giovedì, marzo 03, 2005

 
c'è una sera alla settimana in cui sono sicura di essere single.
m. ha molta più forza di volontà e costanza di me e quindi riesce, non so bene come, a fare delle cose che per me sono impensabili, tipo iscriversi a un corso settimanale e portare a termine l'impegno anche quando è stanco, anche quando non ne ha voglia.
e così ieri sera io non sono riuscita a dirgli quello che si voleva sentire dire: "fai bene, muovi il culo, non importa se fa freddo".
io quando sono stanca e ho freddo, resto a casa e non me ne fotte nulla degli impegni presi, soprattutto per un corso, cioè non con delle persone a cui magari voglio pure bene, ma con una società che mi vende un servizio.
spero che abbia capito che fra tutte le cose che può chiedermi questa è fondamentalmente un insuccesso a prescindere e soprattutto ci incazziamo per nulla, e l'incazzatura fa da volano a tutta un'altra serie di incazzature. e via così.
poi lui alla fine è andato al corso, mentre io ho fatto la single: lungo scambio di sms, pianificazione della serata di stasera, lavatrici, è passato a sorpresa ("are you alone?" "so what?" "ringing your bell..." "porco! ;o)") di qui r. per un thé veloce.
alle dieci e dieci ho mandato l'ultimo sms, poi ho spento i cellulari, puntato le sveglie e letto quasi 100 pagine dell'america di bryson.
il libro mi sta sempre più convincendo che io non so se poi ho così tanta voglia di vederla, l'america.
stamattina ero sveglia alle 7, ho sfidato la neve per il pascolo cane e adesso vado in ufficio che nel pomeriggio ho un incontro di lavoro e mi fa che dovrò mettere le catene agli anfibi.

Commenti: Posta un commento



<< torna ai Tentativi

[ Diari di fughe ]

[ Le mie moleskine ]

This page is powered by Blogger. Isn't yours?