Tentativi di Fuga

"la fuga è invece l'unica scelta dignitosa quando non puoi cambiare più nulla, e non vuoi neppure lasciarti coinvolgere, diventare complice" (pino cacucci)

sabato, maggio 07, 2005

 

consigli su come scegliere la mise per andare a un matrimonio

1. consiglio assoluto, definitivo e globale. se sei in fase "sono ingrassata e voglio dimagrire" (come la sottoscritta da qualche settimana), non comprare il vestito troppo presto.
comprerai un vestito che già andava largo, lo farai stringere, ma poi - fra una pedalata riparatoria e un'insalatina - sarà comunque largo di quei 5 centimetri che ti porteranno per tutto il tempo, sottolineo per tutto il tempo, a reggere il vestito - ovviamente senza spalline - che se no cadrebbe.
e cadrà. ma lo farà mentre sei allacciata in un lento con un tuo caro amico e potrai urlare "cazzo, no!" e lui ti porterà con savoir faire dietro un angolo per rimettere a posto il danno.
2. la storia del vestito bianco o avorio solo per la sposa pare non avere più molto senso di esistere. ieri c'erano almeno 20 persone in bianco o in avorio, e di queste almeno 4 hanno uno specchio un po' bugiardo in casa.
io lo trovo poco simpatico, ma è anche vero che: la sposa è sempre gnocchissima e che io ero in compenso un'ape in stile bomboniera che si accompagnava di tiranti e argani per evitare uno streeptease imbarazzante, quindi sono l'ultima che deve parlare.
3. se hai in casa un paio di scarpe che sai che sono scomode non metterle. a meno che:
- il tuo fidanzato sia molto alto (e tu molto bassa)
- non faccia un caldo porco, ma così porco, da non poter minimamente neanche pensare a metterti le calze.
le scarpe saranno pesanti, di cattivo gusto e soprattutto scomode, molto scomode, ma visto che le stavi guardando ormai da mesi sulla scarpiera chiedendoti: "ma quando cazzo le metterò mai"... eccoti la soluzione. adesso le puoi tranquillamente buttare via.
4. andrai dal parrucchiere e michela farà il miracolo. risveglierà il porcospino, taglierà tutto il tagliabile e quando tu dirai "vero che mi abbassi il ciuffo?" non lo farà. stronza.
5. last but not least. sceglierai un vestito nero, ti farai prestare da un'amica una stola gialla sole in uno splendido shantung, cercherai una cazzo di cravatta giallo sole. e la troverai. e ne sarai proprio felice che a m. sta proprio bene.
poi scoprirai che il bouquet della sposa, tutta la chiesa e tutto il palazzo che ospiterà il ricevimento post-sì saranno stracolmi di rose giallo sole. e che va bene così. va tutto bene. perfettamente bene.
my personal hand shake - in tutti i sensi - alla scendi: ah, beh!

Commenti:
Sore, eri bellissima! Anzi, mi spiace per tutte le altre, ma eri in assoluto la più elegante, carina, misurata, spiritosa...insomma, a te il coccardone invitata dell'anno 2005 :D
 
sore, grazie ma ho fatto solo il minimo... ho semplicemente messo a frutto i mille trucchi del nero che snellisce e del tentativo di emulazione della "sacra tetta" ;O)
 
Macchè sacra tetta, non hai bisogno di questi mezzucci :P

Senti, quando cominciamo il corso accelerato "come camminare su un tacco 6 in tre mosse"?
 
Posta un commento



<< torna ai Tentativi

[ Diari di fughe ]

[ Le mie moleskine ]

This page is powered by Blogger. Isn't yours?