Tentativi di Fuga

"la fuga è invece l'unica scelta dignitosa quando non puoi cambiare più nulla, e non vuoi neppure lasciarti coinvolgere, diventare complice" (pino cacucci)

giovedì, giugno 02, 2005

 

i pro

di "quo vadis, baby?" mi sono piaciuti:
- i tempi scenici. spettacolari perché prevedibili.
- le inquadrature dove l'unica cosa chiara era il gatto. ce ne sono almeno 5.
- le inquadrature di lei e poi di loro dal punto di vista dei tacchi. lei, del resto, porta i tacchi che piacciono a me: grossi, alti, quadrati.
- sessualmente, gigio alberti. ma anche come personaggio, tutto sommato. classico uomo: intrigante, supponente, capriccioso, assolutamente passista. e passivo rispetto alle cose.
- le case. anche quella dei genitori, con il padre alla fine affianco al telefono con il rotella e poco prima il commissario con il bluetooth.
- lei, moltissimo. bruna, con il nasone, trasandata in contrapposizione con la sorella bionda, con gli occhi belli e sempre (qui vi evito lo spoiler...) strafiga.
- la musica. non solo "impressioni di settembre" che in questo periodo mi dà l'orticaria, quanto proprio tutta la musica, anche i rockets.

Commenti:
Come personaggio, tutto sommato, il classico uomo ti piace. e come uomo ti piacerebbe?
 
probabilmente me lo farei piacere.
 
meglio senza.
 
Posta un commento



<< torna ai Tentativi

[ Diari di fughe ]

[ Le mie moleskine ]

This page is powered by Blogger. Isn't yours?