Tentativi di Fuga

"la fuga è invece l'unica scelta dignitosa quando non puoi cambiare più nulla, e non vuoi neppure lasciarti coinvolgere, diventare complice" (pino cacucci)

domenica, luglio 17, 2005

 

antipodi dell'italia

sembra che a milazzo ci sia vita, sole, vento e un gran bell'albergo.
da queste parti, invece, si soffre il caldo (sono due notti che dormo per terra).
e soprattutto la voglia di staccare tutto, senza sapere però dove andare. e come fare se non essere me stessa e ascoltare quello che voglio fare.

Commenti:
Milazzo mi ricorda questi versi della terra desolata:
[...]
lì vidi uno che conoscevo e lo fermai gridando: "Stetson!
Tu che eri con me sulle navi a Milazzo!
Quel cadavere che piantasti l'anno scorso nel tuo giardino
ha cominciato a germogliare? Fiorirà quest'anno?
O l'improvviso gelo ha turbato il suo letto?
Oh tieni lontano di qui il Cane, che è amico degli uomini,
O con le sue unghie lo dissotterrerà!
Tu! hypocrite lecteur!- mon semblable, - mon frère!"
Forse si potrebbero metterli nella wikipedia, insieme a qualche cenno alla battaglia tra romani e cartaginesi a cui i versi fanno, senza un vero motivo, riferimento.
 
Posta un commento



<< torna ai Tentativi

[ Diari di fughe ]

[ Le mie moleskine ]

This page is powered by Blogger. Isn't yours?