Tentativi di Fuga

"la fuga è invece l'unica scelta dignitosa quando non puoi cambiare più nulla, e non vuoi neppure lasciarti coinvolgere, diventare complice" (pino cacucci)

mercoledì, agosto 31, 2005

 

CasAuro, volume 1

stasera ha riaperto i battenti.
è venuta s. a trovarmi dopo tanto tempo che non ci vedevamo. in settimana verranno altre persone.
io amo avere gente in casa, le amiche, gli amici, avere tempo e occasione per fare quel cazzo di puzzle di haring che poi andrà al macero, avere tempo e occasione per decidere che musica ascoltare.
sono logorroica di parole e di pensieri e tenuto conto che ne esprimo la metà di quelli che penso, la gente dovrebbe cominciare a preoccuparsi.
parlo. parlo di me - io adoro parlarmi addosso, ma anche no. parlo di progetti che ho, che ho riniziato a fare e di quelli che ho messo in piedi in 5 minuti, parlo di calci in culo che mi hanno dato e che [in]consapevolmente mi sono data.
penso. penso a tutti i numeri di sopportazione e di umiliazione che devo mettere in colonna e guardo la cifra totale, che so che non cambierà cambiando l'ordine degli addendi. penso che ho un passato remoto con cui ho fatto i conti e con cui mi sono rappacificata, un passato recente che mi ha messo a dura prova. un futuro da costruire senza voltarmi mai indietro se non per trovare stimoli e mattoni, ma non per trovare rimorsi, questioni (pratiche) non risolte e sensi di colpa.
penso. penso a tutti i pensieri che ho fatto, alle aspettative che mi sono posta, agli obiettivi mal condivisi. penso che la gente richieda alla gente di essere come il domopak: pronta a essere malleabile alla loro forma, resistente al freddo o al caldo, capace di mantenere il gusto e l'aroma, che se c'è un crepa tanto basta accartocciarsi un po' di più, basta adeguarsi un po' di più per tappare il buco e continuare a trattenere liquidi, aromi, sapore. non mi piace. non mi è piaciuto farlo, non mi è piaciuto essere costretta e costringermi a farlo.
ma parliamo, siamo due fiumi in piena. non ci vediamo da mesi. parliamo del suo fidanzato, della casa nuova, di sguardi, dello spettacolo di domani, chiamo un'amica, prima c. mi ha detto che verrà alla mia festa di compleanno, oggi ho sentito f. ci sarà anche lui. sorrido. compio 32 anni fra poco e non so ancora come festeggerò, ma so che i festeggiamenti dureranno 3 giorni interi, che ci sarà un sacco di gente e che non mancherà nessuno. strano a dirsi, quest'anno non ho paura di invecchiare. non me ne frega nulla.
fra una ciacola e l'altra beviamo il caffé, mangiamo i baci di dama equi e solidali che ho comprato ieri alla festa dell'unità aspettando che f. arrivasse.
casAuro ha riaperto i battenti. diciamocelo: amo avere gente per casa che mi tenga compagnia, che non se la meni se i piatti sono da lavare, se è piccola, poco accogliente forse, se in cucina non ci si può sedere da nessuna parte mentre io preparo una tazzona di caffé filtrato, se la biancheria è ancora stesa, se c'è la polvere che viene da fuori. se isotta si sdraia a pancia all'aria per farsi fare le coccole.
stasera s. è rimasta 5 minuti a fissare la parete gialla con i poster nuovi, gli ingrandimenti e gli accostamenti delle foto, le cartoline di corto maltese. "è bellissima, è Auro". altro sorriso.
ecco, sì. avanti c'è posto. sempre avanti, prego, in fondo al corridoio, oltre la porta rossa fino alla parete gialla.
qualcuno desidera un bacio di dama?
(dio quanto mi sono mancata)

Commenti:
Beh, allora ben tornata. Un abbraccio.
 
ben tornata, Aur0. ritrovarsi e' una delle sensazioni piu' belle che si possono provare. ti abbraccio. forte. :)
 
Posta un commento



<< torna ai Tentativi

[ Diari di fughe ]

[ Le mie moleskine ]

This page is powered by Blogger. Isn't yours?