Tentativi di Fuga

"la fuga è invece l'unica scelta dignitosa quando non puoi cambiare più nulla, e non vuoi neppure lasciarti coinvolgere, diventare complice" (pino cacucci)

domenica, ottobre 16, 2005

 

là dove cresce il mandarino

davanti a me c'era una madre di 70 anni con la figlia e il genero.
dietro di me c'era un ragazzo che leggeva un libro. era passato la mattina c'ra la fila è tornato nel pomeriggio con il libro.
più o meno è stata la mia stessa idea: io avevo anche la iso con me.
affianco a noi c'era il matto del quartiere, che ha cantato ininterrottamente per quasi due ore di fila "grande grnade grande" di mina.
a un certo punto è passato un tipo con delle pizze e offriva fettine di margherita agli elettori. poi è arrivato uno con un transatlantico pieno di spesa appena fatta alla slunga: vino, arabciata, baci perugina, gianduiotti, mandarini. migliaia di mandarini. almeno due dozzine di reti stracolme di clementine. anche isotta muove il naso.
poi è il tuo turno. vai lì, dai un euro, ti danno una ricevuta, una scheda, firmi. entri nella roulotte e ti ritrovi su un piano cottura (molto più phigo di quello che hai in casa) a mettere una croce su un nome.
esci, saluti e torni a casa. passando affianco alla fila, dove è fortissimo il profumo di mandarino.

Commenti: Posta un commento



<< torna ai Tentativi

[ Diari di fughe ]

[ Le mie moleskine ]

This page is powered by Blogger. Isn't yours?