Tentativi di Fuga

"la fuga è invece l'unica scelta dignitosa quando non puoi cambiare più nulla, e non vuoi neppure lasciarti coinvolgere, diventare complice" (pino cacucci)

mercoledì, febbraio 01, 2006

 

cercasi

sto cercando qualcuno che abbia uno scanner decente e pulito da prestarmi per un bel po' di tempo perché mia madre ha ceduto: l'archivio fotografico di famiglia non avrà più segreti.
detta così sembra una cosa normale e invece non lo è.
quella scatola di legno contiene le immagini (diverse centinaia, forse più di un migliaio) di una famiglia - la mia - che non si sa bene come sia sopravvissuta a se stessa.
quelle foto sono un mistero, un vero mistero. fanno così tanto paura che io, ad esempio, ho dovuto aspettare 32 anni e passare l'ulitmo a lavorare la genitrice ai fianchi per potervi accedere.
voglio cercare lì dentro le forti e nodose mani di mia nonna, [ri]scoprire i suoi occhi e quelli di mio nonno - che tutti dicono essere i miei, le sue orecchie smisurate. vedere mia madre da piccola che gioca sul naviglio, con la baggina sullo sfondo. mia mamma vestita di arancione per il suo primo matrimonio, con il vestito che io e la didi abbiamo usato per anni a carnevale, vedere per la prima volta le foto del matrimonio dei miei, celebrato mentre io ero allo zoo con la nonna. avere altre foto di me e mia sorella, scattate da mio padre quando io e lei non ci eravamo ancora prefisse obiettivi di vita diversificati. rivivere i natali, i compleanni, le feste di carnevale e lo studio di mio padre. le lampade enormi, la leica, i faretti.
mi regalerò sere con amici e amiche a spulciare ricordi, talvolta inviterò anche mia madre e mio padre. e poi tanti momenti da sola. vorrei fare degli album, delle stampe, delle ristampe.
ho sempre pensato che la mia famiglia non avesse una storia. e adesso invece voglio regalargliela.

Commenti:
Per la legge di Murphy, lo usiamo poco, ma non possiamo prestartelo. Però se vuoi venire qui in ufficio da noi, quando vuoi, anche sabato e domenica, è tutto tuo.
Da casa tua con metrò + passante in venti minuti sei qui.
 
Appunto. Io poi, visto che è prima di tutto una stampante, lo uso abbastanza. Da casa tua un paio d'ore e sei qui, però vuoi mettere gnocco e tigelle per rifocillarti... ;)
 
E' molto bello il tuo obiettivo.
Le foto della mia famiglia, conservate gelosamente da mia mamma in una scatola di legno "nascosta" nel suo comò, sono andate distrutte in un incendio, che ha avuto origine appunto nella sua camera, a causa di uno scaldino elettrico. E' un po' come non avere più ricordi.
Un abbraccio
 
Idem per lo scanner dell'ufficio mio, come per quello di Mafe. Ci mettiamo daccordo, porti le foto e ti apro la porta. Devi solo sopportare l'odore di fumo.
 
Io lo scanner ce l'ho a casa e per un si nobile obiettivo te lo farei usare volentieri.
Da casa tua..sai già quanto dista.
 
Bellissimo progetto, auguri!
Un bel viaggio a ritroso nel tempo, fra i ricordi.
Pensavo di farlo anch'io, con l'album delle nozze dei miei...ma quando mi sono accorta che il numero degli "assenti" superava di gran lunga quello degli "ancora fortunatamente presenti"... ho desistito. Ma é un'idea bellissima, strappare vecchie immagini dall'oblio. Buona fortuna e buon viaggio.
 
strappare all'oblìo... bisognerebbe rileggere prima di pubblicare, ignoranta!
 
grazie a tutti. eh. di cuore. tempo di preparare tutto e sarete ricontattati. ;-)
 
Sai dove e come.
 
Posta un commento



<< torna ai Tentativi

[ Diari di fughe ]

[ Le mie moleskine ]

This page is powered by Blogger. Isn't yours?