Tentativi di Fuga

"la fuga è invece l'unica scelta dignitosa quando non puoi cambiare più nulla, e non vuoi neppure lasciarti coinvolgere, diventare complice" (pino cacucci)

lunedì, marzo 06, 2006

 

tutta scombussolata

oggi ho detto ai miei colleghi: "beh, ma lui scrive testi per liceali, ma canta bene e le canzoni restano in testa". poi mi sono accorta che stavo parlando di tiziano ferro.
prima mi sono sentita un po' una merdina.
poi mi sono accorta che lo pensavo sul serio e ho cantato (saltellando come un'invasata) per dieci minuti sullo scivolo del garage "di sere nere... perché fa male, male da morire...". sotto il loro sguardo attonito.
per vendetta di cotal esternazione di follia, il cielo mi ha fatto incocciare - sciopero dei mezzi consenziente - con lo stinco su un sostegno dei cestini della linea gialla. un sostegno senza cestino.
ho preso l'ultima rossa per il capolinea bisceglie sanguinando e facendo rapidi calcoli su quanto mi sarebbe costato un taxi. e chiedendomi se l'assicurazione del lavoro avrebbe coperto l'infortunio...
e porco qui e porco lì.
ho combattuto il silenzio parlandogli addosso e levigato la tua assenza solo con le mie braccia
e più mi vorrai e meno mi vedrai e meno mi vorrai e più sarò con te
e più mi vorrai e meno mi vedrai e meno mi vorrai e più sarò con te
e più sarò con te, con te, con te, lo giuro
(tiziano ferro)

Commenti:
mi spiace, per chi canta le canzoni di Ferro c'è una clausola che esclude qualsiasi rimborso... però puoi dichiarare che stavi cantando de Andrè, allora ti pagano il doppio!
 
Posta un commento



<< torna ai Tentativi

[ Diari di fughe ]

[ Le mie moleskine ]

This page is powered by Blogger. Isn't yours?