<< Gennaio 2004 - Tentativi Di Fuga - Marzo 2004>>
29.02.04
 
costruisci una tua casa di sinistra!

"ma questa è una casa di sinistra!"
"vedi bambini in giro?"
"no"
"ce n'e' uno nel forno"
(una volta un tipo "chiaro scopo lo scopo" mi ha detto appena entrato in casa: "io non ci salgo su un letto con appeso di fronte un poster di guevara". risposta: "la porta è giusto giusto dietro di te. e il guevara le fa la posta. sai dov'è, quindi, non ti ci devo accompagnare...").
sì, in ogni caso, questa è una casa di sinistra. molto fiera che sia così.

Auro - 20:55 - Scrivi/Leggi Commenti (15) [ parole ]
 
mailbox e priorità

i miei amici si dimostrano sempre splendidi telaptici, anche a distanza di migliaia di chilometri, anche se non sanno che esiste questo blog e non hanno mie notizie da mesi, anzi da anni.
lo ste mi manda una mail lunghissima e assolutamente delirante. a metà dello sfogo dice a se stesso questo: "Se stai ancora chiedendoti dove stai andando, guarda diritto davanti a te: ci sono solo splendide tracce ancora fresche che puoi seguire; le hanno lasciate quelli che, come te, non sapevano dove andare poi hanno deciso che ci sono delle priorità da dare nella vita. Al primo posto ci sei sempre tu, dopo, arrivano le cose che vogliamo di più. Anche se ci costa fatica ottenerle; anzi, quella fatica sarà la testimonianza migliore del fatto che la priorità era alta".
azzeccato.
grazie love. da qui, adesso che sai che esiste anche questo tentativo.
(priorità del momento: Auro, lei, lui)

Auro - 20:46 - Scrivi/Leggi Commenti (0) [ intimismo ]
 
sì, vabbé, ma le mensole?

abbiamo i pensili.
anche la iso è contenta.
un grazie enorme al bimbo jorma, la tigro, il papoff, il village e al silente aiutantenullafacente.
senza di voi, cosa farei?
(per la cronaca, un pensile è stato stabilito che non andasse bene. troppo ingombrante. la casa lo aveva reso noto proponendoci un muro troppo ostico da forare... ascoltare la voce della casa, i suoi segnali è sempre cosa buona e giusta).
(domani vado a comprare le mensole - lo sapevo che mancava qualcosa...: a qualcuno serve qualcosa marchiato ikea?)

Auro - 20:34 - Scrivi/Leggi Commenti (1) [ parole ]
 
l'intelligenza degli altri

ieri sera u. e g. mi hanno detto due cose intelligenti. cioe' sono due persone intelligenti a prescindere, ma - sapendolo o meno - mi hanno detto due cose che hanno mosso il mio asincrono neurone.
grazie.
dormito bene, tanto, troppo. adesso bisogna fare fare fare.

Auro - 12:39 - Scrivi/Leggi Commenti (3)
28.02.04
 
passerotto non andare via...

fatto nulla, fatto tutto.
comprati i tasselli (ma che bel puzzle!), informata per l'idropittura, comprata caffettiera nuova, fatta la spesa, fatto il tiramisù, poi dormito tanto e a lungo.
fatto un sogno strano, poi ho aperto gli occhi è ho visto il mondo tutto a righine rosse e gialle, arancioni e bianche. potere del copridivano.
adesso doccia lunga, balsamo ai capelli, prova vestiti e poi festa.
passerà anche tutto questo grigio.

Auro - 19:51 - Scrivi/Leggi Commenti (0)
27.02.04
 
out of * (please make your suggestion)

che siccome che mi sono rotta il cazzo di impestare qualsiasi posto di noia, tristezza e confusione... ho deciso che oggi mi dò al rincoglionimento creativo. quindi ho allegramente cazzeggiato tutto il giorno, mi son presa un cazziatone giustificatissimo, ho fatto la cazzona con i miei colleghi, ho ricontrattato (o almeno ci ho provato) le ferie ottenendo qualche risultato, in effetti...
il tutto per non dire che sono tornata a casa presto, ho tolto tailleur e tacchi, ho messo scarpe da ginnastica e un maglione in piu' e con velma (benedetta due ruote mia!) sono andata fino a trenno: ho raggiunto l'angolo più in là e ho urlato suoni gutturali per circa cinque minuti. poi ho ripreso velma (abbandonata nel prato durante la fase criante) e me ne sono tornata a casa.
ringiovanita. senza voce, ma più giovane di sicuro.
adesso è il momento della cremina un-grammo-un'oncia-d'oro per il contorno labbra e stasera si dorme.

Auro - 18:18 - Scrivi/Leggi Commenti (0)
 
libri and the city

stamattina, reduce dalla nottata insonne, ero un'ameba in metropolitana. lì sospesa con gli occhi socchiusi che cercavo di leggere Antracite, in formato A4 (comodissimo...).
alzo gli occhi per controllare la fermata e vedo ceh il tipo davanti a me sta leggendo un libro che io ho letto recentemente. istintivamente gli ho detto "è proprio un bel libro...". "sì piace anche a me". "non si riesce a staccarsi, vero?" dico io, cercando una via di fuga per tornare a Antracite e evitare di fare la figura della smandruppona. "è molto bello anche quello che stai leggendo tu, hai già letto Metallo urlante?". "no, magari poi lo leggerò". "sì, ti conviene, merita...".
ci ha salvato dallo scambiarci il numero di telefono solo il fatto che siamo arrivati a duomo e mentre io ho guadagnato il tunnel per san donato a passo di rumba, mentre lui ha accennato a una polka solfeggiata in direzione maciacchini.
io il mio numero a quello non lo avrei mai lasciato: rimane il fatto che stava leggendo un bel libro. e mi è venuta voglia di dirglielo.

Auro - 10:06 - Scrivi/Leggi Commenti (4) [ letture ]
 
carmencita prozacchiata

ieri sera sono andata con a. in libreria. volevamo fare 4 chiacchiere e abbiamo preso un caffé prima di girare fra gli scaffali (non ho comprato manco un libro! non ho comprato manco un libro! non ho comprato manco un libro!) "se prendo il caffé poi non dormo" ho detto io. ma l'ho preso lo stesso. idiota! idiota! idiota! idiota! idiota! idiota! idiota! idiota! idiota! idiota! idiota!
stanotte ho contato pecore fino al 253 (mi pare), erano le tre e un quarto e io avevo gli occhi aperti, spalancati, sbarrati. ho recuperato tutto il tempo perso non dedicato a Antracite (mancano 20 pagine e sto fremendo dalla voglia di capire come va a finire).
e poi mi sono riempita la testa di paranoie inutili e stupide.

Auro - 09:58 - Scrivi/Leggi Commenti (1) [ parole ]
26.02.04
 
stato dell'arte

sono un'equilibrista. a cui prude il naso, ma che non puo' distrarsi un attimo.
forse assomiglio più a una foca con la palla sul naso, che ogni tanto fa cofff cofffff. stavolta però se non altro non sto reggendo il mondo sul mio naso, ma solo un grossissimo punto interrogativo.
coincidenze incredibili oggi mi hanno fatto dividere lo scompartimento della metropolitana con tanti altri lavoratori, con alcuni studenti, con amiche che parlavano fra loro, con morosi che si baciavano fra di loro... e con due bimbi vestiti da carnevale: uno era vestito da ape (come la figlia di r.! avranno comprato anche loro vestito all'euromercato a sei euro?) e l'altra era vestita da una cosa non facilmente individuabile, era una specie di arlecchino ricoperto di punti di domanda... ho pensato "toh, una letterina casta..."... e ho rimpianto i miei vestiti da trottola, da damina, da rossella o'hara, da caramella, da panchina del parco, da peterpan. e soprattutto ho rimpianto il fatto di non aver mandato a quel paese il carnevale prima di compiere cinque anni...

Auro - 20:02 - Scrivi/Leggi Commenti (0) [ intimismo ]
 
cecicenerescusanze

mi sono dimenticata di dire una cosa a cui tenevo e quindi mi sento una doppia merdaccia per non averlo fatto prima: grazie ta per la splendida serata e grazie per avermi sopportata anche se ero sballottata, dissociata, assolutamente distonica.

Auro - 16:59 - Scrivi/Leggi Commenti (0)
 
tex

sto leggendo Antracite di Evangelisti.
ci sto mettendo una vita, un po' perche' e' lungo, un po' perche' prendo poco la metropolitana, un po' perche' l'edizione che mi hanno mandato e' scomoda da leggere a letto e in metropolitana.
comunque mi piace molto, anche se ci ho messo un po' a entrare nell'ottica della storia.
mi ricorda un po' un fumetto (uno a caso... proprio...) e il collegamento con bro'Die' è istantaneo...
"c'e' da capire che a volte anche quest'arte non e' solo lettura da cretini
che c'e' del cuore nascosto tra le carte, il dolore nel grigio dei retini"
(avventure di carta, alessio lega)

Auro - 15:41 - Scrivi/Leggi Commenti (0) [ letture ]
 
bando di concorso

è ufficiale: cercasi modi intelligenti, alternativi, equi e solidali (con me stessa medesima) e ovviamente a basso costo per passare 4 settimane di ferie in agosto.
e arrivare a quelle ferie viva, senza manco un giorno a disposizione, né prima né dopo.

Auro - 14:02 - Scrivi/Leggi Commenti (1) [ salario garantito ]
 
tentativi di Auro, vol. 01

ecco la playlist. non è proprio la mia Scaletta con la A maiuscola, perche' non ero sicura di riuscire a far funzionare tutto.
BandaBardò "BeppeAnna" - Soul Asylum "Runaway train" - Rino Gaetano "Sfiorivano le viole" - RHPS "Time warp" (prima volta) - Janis Joplin "Mercedes Benz" - Punkreas "Sosta" - RHPS "Time warp" (bis, esp for Vanessina e Kia) - Boomtown Rats "I don't like mondays" - Afterhours "Germi" - The Smiths "Hand in glove" - SukrenPudre "Lo stato delle cose" - Alanis Morrisette "You oughta know" - ModenaCityRamblers "Transamerika" - "BandaBassotti "Figli della stessa rabbia" - Alessio Lega "Avventure di carta" - Anouk "Nobody's wife" - FrankieHinrg "Giù le mani da Caino" - Natalie Cole "My baby just care for me" - Vasco Rossi "Io no" - Tracy Chapman "Can I hold you" - Negrita "In ogni atomo" - Khaled "Aicha" - Decibel "Vivo da re" - INXS "Tainted love" - Estra "Vieni" - RHCP "Otherside" - Trio Milonga "Non partir" - Bjork "It's oh! so quiet" - LaCrus "Soltanto amore" - Renato Zero "Manichini" - Fabrizio de André "Dolcenera" - Francesco Guccini "Canzone quasi d'amore" - RHPS "Time warp" (ter, sigla finale).
(non dovrei aver dimenticato nulla)
il volume 02 sta per essere cogitato.

Auro - 11:02 - Scrivi/Leggi Commenti (4)
 
out of control

ho un'idea creativa in testa. una di quelle che mi vengono un giorno sì e un giorno no. però io ho questa idea creativa in testa, che mi macchierà le mani, me le inzozzerà, mi farà ridere e sfidare il senso stranissimo che ho quando mi ritrovo a pensare qualcosa (avere l'immagine perfetta di come dovrebbe essere) e non sapere da che parte cominciare a realizzarla.
è la spinta che ogni giorno sul lavoro mi fa cozzare con chi lavora con me. "io la vedo così" dico. e descrivo quello che ho in testa. e poi viene diversa la cosa. e fino a quando non è identica a quello che avevo pensato, non ci sono cazzi che smetto di insistere.
adesso sul lavoro ho limato un sacco questa mania da cacaspilli rompina, ma nella vita no. se io mi immagino un vestito da indossare mi deve stare così, se no non lo compro. se io mi immagino un tatuaggio, deve venire così (e infatti me li faccio fare solo da un altro rompino cacaspilli... io non vedo l'ora...). l'unica cosa a cui mi arrendo sono i capelli, non saranno mai come li voglio io e paradossalmente li adoro proprio per la loro fottutissima voglia di anarchia e di ribellione. quella che sento pulsare dentro e che (fottutamente controllata e inquadrata in una logica tutta mia) non riesco a tirare fuori.
il lato della Auro che non si riesce a controllare.

Auro - 10:45 - Scrivi/Leggi Commenti (0) [ parole ]
 
sigla della trasmissione

definitivamente, let's do the time warp again...
e settimana prossima, forse, conduzione. ho detto forse.
(cielo, sono strafelice. basta poco che pare tanto, o forse basta tanto che pare poco... vabbé, chissenefrega. bastano loro e bastano i sorrisi)

Auro - 00:01 - Scrivi/Leggi Commenti (0) [ musica ]
25.02.04
 
mantova

se non ci siete, siete sciocchi.

Auro - 23:58 - Scrivi/Leggi Commenti (2) [ musica ]
 
quando non c'e' fiamma

ok, sono senza accendino.
l'unico che mi e' rimasto non funziona piu'. sarà finito il gas o si sarà rotta la pietrina, fatto sta che sono senza accendino.
non ho fiammiferi, non ho accendigas con cui accendere il fornello e poi le sigarette (lo tovate morboso? l'avrò fatto migliaia di volte).
in pratica ho tre pacchetti di camel azzurre.
poco meno di 60 sigarette e neanche modo di accenderle.

Auro - 20:49 - Scrivi/Leggi Commenti (3) [ parole ]
 
crepi l'avarizia

sono rosa dalla curiosità. e non è bello.
non sapessi di finire all'inferno nel girone degli iracondi, in questo momento vorrei proprio concedermi un cazzo di weekend in quello dei lussuriosi.

Auro - 16:32 - Scrivi/Leggi Commenti (1)
 
storn[z]o wind

dopo due anni si sono degnati di mandarmi lo storno dell'errata gestione del mio conto telefonico.
importo sbagliato.
settimana prossima vado da un giudice di pace (giuro lo faccio) e gli intento una causa, o come diavolo si chiamerà.
primo
domanda al 155: "come siete arrivati a questa cifra?"
risposta del 155: "scusi, ma lo chiede a me? le avrà le bollette, no?"
secondo
domanda al 155: "non avete un giustificativo della cifra?"
risposta del 155: "il computer non tiene i memoria i giustificativi... mica può sapere tutto..."
Auro per una volta tanto, per la prima volta da piu' di un mese di corda di violino attaccata alle vertebre, non è stata calma, proprio per un cazzo.

Auro - 16:24 - Scrivi/Leggi Commenti (3)
24.02.04
 
l'inconsapevolezza dell'autore e dei vasi comunicanti

ultimamente scambio mail con uno in gamba, e' uno scrittore, uno dei miei preferiti, ma prima di tutto e' una persona che mi piace molto. mi piace molto il modo di fare, di porsi. quello che ha fatto nella vita.
oggi mi ha mandato una mail in cui riesce (ovviamente inconsapevolmente) a scrivere delle cose che riafforano dal mio passato (completamente fuori contesto).
l'inconsapevolezza che colpisce il bersaglio e non fa male, ma da' solo una svegliata.
(grazie)

Auro - 17:00 - Scrivi/Leggi Commenti (0)
 
appunti notturni

stanotte ho dormito poco e male però, però ho preso una decisione fondamentale.
insomma ho preso in mano la mia vita e ho capito un bel po' di cose.
nel cuore della notte me le sono appuntate perché se no stamattina me le sarei dimenticate.
a leggere la mia calligrafia notturna, un po' sghemba e molto storta mi pare di essere maigret alle prese con il manoscritto, ma vi assicuro, anche se non pare tutto ha senso. e io sono molto più leggera. adesso non c'è altro da fare che prendere in mano coraggio, faccia e vita e fare due o tre cose.
stasera nanna presto che domani la strada sarà ancora la stessa.

Auro - 16:29 - Scrivi/Leggi Commenti (0)
 
meteo

a milano la mattina c'e' il sole.
a bergamo piove e poi nevica.
a brescia pioviggina e poi c'e' il sole.
a cremona nevica. e mi pare splendida. in piazza stradivari ho sentito il violino di un liutaio provare e volevo restare lì. una vita intera.
poi a brescia pioveva.
a bergamo pure.
a milano c'è il sole.
io non sono l'unica confusa al mondo.

Auro - 16:02 - Scrivi/Leggi Commenti (0)
23.02.04
 
on the air

mercoledi' sera la vostra Auro farà una conduzione musicale su una radio online mooolto di nicchia. il fatto che non pubblicizzi la cosa è che io muoio di vergogna e mi imbarazzo. e poi comunque non parlo e la scaletta è solo di prova.

Auro - 23:54 - Scrivi/Leggi Commenti (14) [ musica ]
 
24 ore di server giù

[ore 17.15] stanotte ho fatto un sogno strano. in realta' forse l'ho fatto nel dormiveglia. il fatto di essermi svegliata di soprassalto e il fatto di non ricordarmi il sogno, mentre mi ricordo perfettamente le persone che ho sognato, mi hanno messo di cattivo umore tutta la giornata.
la giornata sta passando all'insegna del "tiriamo fino a sera". ho un sacco di cose da fare, dovrei ruzzare di brutto e invece ruzzo e basta. sperando che arrivi presto il momento della nanna.
in questo periodo dormo bene e dormo tanto, non faccio fatica ad addormentarmi. e sono quasi sempre (oggi docet, sic) lieta di come dormo.
io pero' devo smettere di essere la solita stronza lunatica. ieri stavo bene, oggi sto di merda.
io non credo di meritarmi questo.
voglio tutto, ora e subito. (domani mi passa)
[ore 21.24] io non so perché mi sto trattenendo. possono dirmi il bene e il male, ma io adesso so cosa vorrei, adesso. poi domani non lo so. aspetto.
[ore 22.55] "se le tue labbra non fanno più male per questa volta non voglio sprecare questo bisogno d'amore che ho nell'unico modo che so
se le tue labbra non fanno più male per questa volta non voglio sprecare il desiderio d'amore che ho nell'unico modo che so" [soltantoamore, lacrus]
[ore 23.15] ho disegnato il mio terzo [s]fregio.

Auro - 23:36 - Scrivi/Leggi Commenti (0) [ intimismo ]
22.02.04
 
cose che vorrei fare

- una settimana di solitaria in bici a aprile (possibilità che accada: 80%) *
- il terzo tatuaggio (possibilità che accada: 90%, ma devo aspettare almeno maggio)
- dipingere corridoio e stanza (possibilità che accada: 95%)
- trovare modo di appendere i pensili (possibilità che accada: 70%, anche se mi arrendero' al fatto che non posso lasciarli ancora impacchettati - dopo che son passati più di 4 mesi dall'acquisto - appoggiati al mobile)
- ricominicare ad andare regolarmente in palestra (possibilità che accada: 65%, percentuale in netta salita andando verso la bella stagione)
- ricominicare ad andare regolarmente a inglese (possibilità che accada: 65%, percentuale in netta discesa andando verso la bella stagione)
* "un po' svizzera come cosa" (f.)

Auro - 18:12 - Scrivi/Leggi Commenti (5) [ parole ]
 
viaggi della piccola pioniera

ieri sono andata da f., f. e n.: n. mi sconvolge per quanto è bella, curiosa e intrapprendente. mi piace un sacco. e questo cozza con tutto quello che mi sto dicendo (per tenermi buona) in questo periodo.
ottimo caffé, tante chiacchiere e molta pace e tranquillità.
poi rientro a casa, pizza egiziana e poi è venuta qui l.: anche qui tante chiacchiere e troppe sigarette.
oggi è tornata la iso, che si è messa a dormire immediatamente sul divano (grazie, il copridivano ringrazierà...), poi ho sistemato l'armadio del bagno (urge missione ikea per acquisto federe, lenzuola e copripiumini, che ne ho buttati via una dozzina) e poi doccia ristrutturante lunga.
fra un po' cena cinese.
nel frattempo faccio molta fatica a leggere queneau e mi spiace anche un po'. ascolto musica che non ricordavo più di avere e mi emoziono un po' a sentire che il mio cuore batte regolarmente e la mia mente viaggia. e non fa male. anzi... viaggia a piedi e in alcuni casi pedala (oggi ho letto una cosa che mi ha dato una dritta mega per la mia solitaria di aprile!) e non ingrana mai la quinta. ma neanche la retro.

Auro - 18:05 - Scrivi/Leggi Commenti (1)
21.02.04
 
pomeriggio libero

nevica. niente mercato. meglio.
oggi sveglia con i gang e poi caffettiera bruciata, definitivamente.
nessun programma che non sia sistemare casa. quasi quasi, dopo aver cambiato le lenzuola e aver sistemato vestiti e scrivanie, vado in palestra. e stasera provo finalmente il kebab del tipo sotto casa.

Auro - 11:26 - Scrivi/Leggi Commenti (0)
 
[messaggio criptico]

se in questa notte di tranquillità ci fossi anche tu, ci sarebbero mille secondi di tempo in più e mille buone ragioni senza bisogno di spiega.
ma tu ci dovresti essere, e a me il tempo non basta mai.
ma tu ci dovresti essere sul serio, e a me le ragioni non bastano mai.
tutto sta diventando leggero, un poco più leggero. tutto. tranne il tempo e tranne le ragioni.
ma tu ci dovresti essere. sul serio. con diritto di esclusività e dovere di fiducia.
e mi prendo il mio tempo per me, per le mie cose, per la mia vita. e il tempo prima o poi basterà. e le ragioni, se saranno ragionevoli, basteranno.

Auro - 00:48 - Scrivi/Leggi Commenti (0) [ intimismo ]
20.02.04
 
skiopping

strano no?
tempo libero prima di vedere m. e io che bazzico in mille negozi.
e compro (beh, insomma questa non è una sorpresa) biancheria intima improbabile (non si sa come mai sia scontata anche se se molto estiva), giusto cosi' per non smentire mai la mia RAL (=Regola Aurea della Lovable) tanto nota a quelli della vecchia ml.
compro due golfini che fanno un po' sottogiacca e un po' sopra jeans.
compro anche 5 libri (usati, al libraccio). poi mi fisso sui cd, ne vorrei comprare una ventina. poi non ne compro manco uno perche' non so bene che musica voglio ascoltare.
non compro l'anello che ho visto da geremia perche' mentre lo indosso non lo sento mio (sfioro il panico) e poi e' troppo pesante per le mie ditina da barbie.
poi vedo m. che a un certo punto mi fa una battuta del cazzo e io le dico "ma perché sono uscita con te stasera?". risposta: "sono la tua terapia d'urto preferita". Auro mentre prende un libro dallo scaffale più alto del libraccio stride fra i denti: "terapuetica come un calcio in culo". e ridiamo.
poi mi ritrovo in macchina con lei e mi pare che non sia cambiato nulla da quando eravamo al bar la mattina presto a fare colazione. non è cambiato nulla se non la faccia di m. e il suo colore di capelli. se non la mia ritrovata ostinata voglia di vivere.
le risate sono sempre le stesse, e mi mancano.

Auro - 22:49 - Scrivi/Leggi Commenti (0) [ parole ]
 
ossa

ho letto tutto, tutto di in fiato, non mollava la presa.
due notti, qualche viaggio in metropolitana. una pausa pranzo.
il libro è bello, scritto bene, probabilmente il film adesso lo posso anche vedere.
deaver sa fare il suo lavoro.

Auro - 10:58 - Scrivi/Leggi Commenti (2) [ letture ]
 
mi batte in testa da stamattina alle 7

ti farei volare sulle onde sulla vita come un'altalena
e parlare pure con i pesci come una sirena
ti vorrei insegnare l'equilibrio sopra un mare che è sempre in tempesta
per vivere il tuo tempo e starci bene dentro
questo gioco è un gioco d'equilibrio devo solo farci un po' la mano
perchè stare nel mio tempo è viverlo da dentro
sorridi ora guardami ti direi hai ancora
voglia di nuotare in questo mare
aspettiamo l'aurora quando i più bei frutti saranno di tutti
[...]

[vivere il mio tempo, litfiba]

Auro - 10:49 - Scrivi/Leggi Commenti (0) [ musica ]
 
repulisti

lo ammetto, la sala senza tutto per terra, con il copridivano nuovo (quello che ho comprato all'ikea a inizio anno a righine multicolori!), il tavolo sgombro e i libri in ordine (pur sempre impilati - la libreria ha dato forfait) è tutta un'altra cosa.
domani tocca lavare i piatti prima di vedere m. (enfin!).
poi sabato camera. ma solo a mezzo tempo che poi sono in fiera al mercato (proprio vero che non sono capace di dire no alla gente...)
rimettere a posto casa fa bene.
si buttano via un sacco di cose inutili (vogliamo forse parlare del fatto che ho tenuto via per 8 anni i sassi raccolti con l. sulle spiagge irlandesi? finalmente hanno trovato la strada della spazzatura...), si ricicla tutta la documentazione che ormai e' vecchia (cioe' ha piu' di 6 mesi) e si mettono via i ricordi che ancora stanno in giro. il luogo dell'imbosco deve essere particolarmente oculato: ci sarà un giorno che li ritroverò e deciderò se meritano un ripiano del mobile o la spazzatura.

Auro - 00:09 - Scrivi/Leggi Commenti (0) [ parole ]
19.02.04
 
micosi e colesterolo

stiamo facendo un progetto in cui si parla unicamente di micosi , di cellulare lipoproiteiche e di infiammazioni purulente.
per un'ex ipocondriaca neanche del tutto rinsavita sappiate che ciò non è per niente bello.

Auro - 16:30 - Scrivi/Leggi Commenti (1)
 
insonnia di lettura

stanotte ho tirato le tre di mattina a leggere "il collezionista di ossa".
l'ho iniziato ieri sera e sono a pagina 280.
preoccupante.
e molto rilassante.

Auro - 12:31 - Scrivi/Leggi Commenti (2) [ letture ]
 
k. docet

non guardare mai nel giardino degli altri quando nel tuo non sai guardare.
l'erba sua non sarà solo molto più verde, ma anche molto più amara da mangiare.

Auro - 00:25 - Scrivi/Leggi Commenti (0) [ parole ]
 
è troca pura

lo scarabeo online, ma dovete avere avversari di rispetto, mica quelli che fanno gli incroci nonsense... se no non c'è gusto!

Auro - 00:18 - Scrivi/Leggi Commenti (4)
18.02.04
 
ah ecco...

Un buon capro espiatorio vale quasi quanto una soluzione.
La legge di Murphy del 2000

Auro - 18:31 - Scrivi/Leggi Commenti (0) [ parole ]
 
il tatuaggio che uccide

meraviglioso oggero anche se un po' fuori corda per me, in questo periodo.
ma grazie mille fratellone... ottimo consiglio.
(check link a sinistra)
adesso mi cucco un altro deaver, così sfogo la rabbia pensando alle nefandezze del mondo.

Auro - 16:59 - Scrivi/Leggi Commenti (2) [ letture ]
 
le cose girano bene

oggi l'augusta torino.
oggi una bella riunione con una bella persona, io e r. in treno, cioè meglio della ka. e poi in taxi fino dal cliente e io calma, che mi sono piaciuta.
io che ho recitato tutta la mia solita tiritera, stavolta senza titubanze, cali di pressione e panico. il mouse non tremava.
e poi pranzo con f. e poi treno.
tranquilla.
stasera aperitivo di quasi lavoro e poi forse altre amiche.
e' arrivato il secondo assegno dell'assicurazione. e se ho fatto bene i conti ho finito con questo mese di pagare la scuola di inglese.
ho buttato via la pattumiera, stasera porto giu' i vuoti della plastica.
inizio dalle piccole cose.
(grazie s. per ieri sera)

Auro - 16:47 - Scrivi/Leggi Commenti (0)
17.02.04
 
autoscuola

l'ansia di aspettare di fare qualcosa perche' non si sa cosa fare.
prendere appuntamento per dare ritmo alle giornate.
osservare il barattolo di nutella ancora sigillato e ringraziare il fatto che la nutella ti dia la nausea.
non sapere da che parte cominciare, perché nonostante tutto i segnali stradali dicono tutti "rallentare", sono stop e triangoli con il vertice sottosopra. e invece sembrano tutte rotatorie in cui hai sempre il diritto di precedenza e spesso incontri anche passaggi a livello. sempre abbassati.
ti hanno detto e hai immaginato che non sarebbe stato facile, e non lo è. proprio per un cazzo.

Auro - 19:48 - Scrivi/Leggi Commenti (4) [ intimismo ]
 
questione di cassa

oggi avevo appuntamento per la cassa.
un quarto d'ora prima dell'appuntamento mi chiamano per dirmi che non fanno in tempo, poi dopo 5 minuti mi richiamano per dirmi che ce la fanno. io dico che devo essere libera per le sette. sissi', okkei.
sono arrivata li'. conosco bene la zona, velma si e' comportata bene nonostante il traffico.
davanti alla casa avrei voluto andarmene. la zona è cosi' cosi', ma del resto non posso chiedere un mutuo trentennale troppo alto e quindi mi accontento e poi molte case lì in zona sono carine... ma quella no.
insomma, so perfettamente che devo comprare casa. anche se non e' la priorità della mia vita in questo periodo. (qual e' la priorità della tua vita in questo periodo?), ma io in quella casa non ci vivrei.
fatto sta che ero li' e ho aspettato un po', ho letto una dozzina di pagine dell'oggero e poi ho chiamato l'agenzia.
"sono le sette meno un quarto"
"la nostra agente sta facendo vedere l'appartamento ad altri possibili acquirenti, deve avere pazienza..."
scusaaaa? mi chiamate e disdite, mi richiamate e riconfermate, mi dite che per le sette abbiamo finito e alle sette meno un quarto la tipa sta ancora facendo vedere la casa a qualcuno e io devo avere pazienza?
Auro tempo fa avrebbe sbottato.
la mia priorità in questo periodo è stare calma.
"siete poco professionali, vi fate pagare caro e salato per un servizio che non sapete fare, giocando con il tempo degli altri. avessi fatto io una cazzata del genere sarei in giro a cercare lavoro. grazie mille, buon lavoro e buona serata".
ho pensato che tanto quella casa tugurio la vendono lo stesso (spenna il pollo, spenna il pollo, spenna il pollo, spenna il pollo, spenna il pollo, spenna il pollo, spenna il pollo, spenna il pollo, spenna il pollo), ma che protestare in maniera garbata e solerte fa sempre bene. oltre che a me, anche al customer care.
rimetto via il libro, stacco velma dal palo, rimetto i guanti, riprendo il cellulare, rifaccio il numero: "e poi comunque questa casa non mi piace. arrivederci".
torno a casa, fa, faccio quello che devo fare e fra dieci minuti esco per andare dalla s. a farmi coccolare.

Auro - 19:35 - Scrivi/Leggi Commenti (0)
 
capacità nascoste mattutine

stamattina ho sentito la prima sveglia, le ho detto "ciao come stai?... aspetto la tua gemella". dopo 5 minuti come un orologio svizzero il cellulare ha ricominicato a squillare "sì, ho capito... adesso vediamo se parte anche l'altro". ta-dah! eccolo li', trillo diverso, vibrazione che traballa sull'inlay di un cd... devi svegliarti... cribbio! "io non ne ho voglia...".
dopo cinque minuti è partita la quarta chiamata alle armi. e io me ne sono infischiata.
non so come ma sono arrivata in ritardo in ufficio solamente di mezz'ora.

Auro - 12:17 - Scrivi/Leggi Commenti (6)
16.02.04
 
"ua, si è rotta la rotella, proviamo ad andare senza, dai..."

io facevo le elementari. mio padre faceva un lavoro per cui era a casa nel pomeriggio e poi alle sei e mezza usciva per tornare a lavoro.
io lo aspettavo alle due e mezza, lui si sdraiava sul lettone e io mi accocolavo affianco a lui.
accendevamo la tv, che allora era mastodontica, faceva un casino pazzesco ed era in bianco e nero: non si capiva bene quale fosse la maglia rosa. e manco quella gialla.
la prima volta che ho visto la maglia veramente rosa (e non grigina) è stato nel 1985 ed era hinault: lui passava da piazza conciliazione e io ero sul bordo del prato in mezzo alla piazza.
mi ricordo perfettamente che non c'era tutta quella sicurezza che c'e' adesso, le transenne non le avevano ancora inventate e io davo la mano a mio padre e lui con l'altra ha dato una pacca di incoraggiamento alla maglia nera, quando è passata.
negli anni successivi, ci è capitato sempre più raramente di vedere il giro o il tour in tv insieme: sempre più distanti, sempre più silenzi, sempre meno padre e sempre meno figlia.
l'ultima stagione che abbiamo visto assieme (ancora sdraiati nel lettone nei caldi pomeriggi) è stata quella dell'accoppiata piratesca del giro-tour.
io sono quella che se al trivial capita la domanda che chiede perche' c'e' sempre prima il giro del tour sa rispondere con anche le date precise.
ieri mio padre mi ha detto che pantani era morto.
aveva gli occhi tristi, ma mio padre ultimamente ha sempre di piu' gli occhi tristi, sempre più tristi. sempre più cerchiati da rughe, sempre meno capelli.
io, forse perché è un periodo un po' particolare, in quel momento mi sono sentita figlia dell'uomo che mi ha insegnato a pedalare al parco di trenno con una graziella rossa, che un giorno ha fatto finta che si fosse rotta una rotella per convincermi che ce la potevo fare anche senza rotelle, che mi ha portato come un giovane incosciente in canna per un sacco di viaggi casa-ufficio quando ero piccola e non ha mai bestemmiato perche' gli spaccavo i raggi passando sul pavé di piazzale baracca.

Auro - 19:09 - Scrivi/Leggi Commenti (1) [ parole ]
 
la linea d'ombra

And the time, too, goes on - till one perceives ahead a shadow line warning one that the region of early youth, too, must be left behind.
Conrad

Auro - 16:24 - Scrivi/Leggi Commenti (0) [ letture ]
 
non per mettere i piedi avanti...

domani alle 18.30 ho un appuntamento per una cassa (non che sia in vena di comprare, ma se iniziassi a vederne un po'...).
l'ho appena scritto in una mail per s.
vabbé, voglio andare al mare.

Auro - 15:25 - Scrivi/Leggi Commenti (1)
 
altro che spoiler

ieri sera sono stata per 10 minuti trinity.
sono donna? sì
sono vivente? no
sono reale? no
faccio parte di un libro? no
faccio parte di un film? sì
è un film di fantascienza? sì
tre episodi? sì
sono trinity? sì
mi state dicendo che trinity muore in revolutions e io che non ho visto il film per evitarmi la bellucci devo venirlo a sapere così? cioe' mi state dicendo, questo?
trinity è stata il mio mito per tutto il primo episodio e nel secondo mi avevano assai preoccupato le sue rughe e quella faccia tiiiiiirataaaaaa...
(tralasciamo il fatto che qualcuno si è preso il libro delle risposte - alto e corposo... - addosso per tutto questo...)

Auro - 12:59 - Scrivi/Leggi Commenti (6)
15.02.04
 
il pelo sullo stomaco

ci sono cose che fanno più male di una pugnalata al cuore.
ci sono cose che non si potrebbe mai dire di essere capaci di fare.
io mi potrei mangiare le unghie dei piedi, io potrei partire oggi per una vacanza in bici, io potrei fare cose che molti non saprebbero fare.
io quello che ho fatto oggi non lo so fare. e la sensazione e' quella di aver fatto una cosa giusta di cui mi ringrazio e mi ringrazierò sempre, ma che c'è voluto cosi' tanto pelo sullo stomaco che i graffi sono ancora visibili.
e adesso c'è solo da amarmi così tanto da non poterne più di tutto questo amore solo per me.
e nel frattempo cercare di ridimensionare tutto, il bene e il male. tutto tranne Auro.

Auro - 23:59 - Scrivi/Leggi Commenti (0) [ intimismo ]
 
cromatismo blu indefinito

ieri sera sono andata da v. a cena con altri amici.
v. ha i muri della sala del colore che io voglio usare per la mia camera da letto.
fra un mese non solo si ricominicia a usare la bici, ma si imbiancano anche anticamera e camera da letto.
ho un mese di tempo per chiedere a m., il compagno di v. (detto anche UomoTrapano), di venire a appendere i pensili.

Auro - 11:39 - Scrivi/Leggi Commenti (3)
 
aggiornamento lavori in corso

ok, allora i post vecchi stanno progressivamente aumentando (piano piano inserirò anche il periodo da agosto a dicembre 2003), cambiate i link e godetevi la nuova casa... è la mia prima casablog di proprietà.
buono auspicio per gli obiettivi 2004.

Auro - 02:35 - Scrivi/Leggi Commenti (4)
14.02.04
 
i primi lavori di casa

inizio a mettere i vecchi post presi dai miei vecchi blog...
perderò i commenti ma mi piace l'idea che stiano tutti qui.
li ho selezionati, togliendo molta (moltissima) merda... se qualcuno volesse sapere cosa ha fatto Auro negli ultimi due anni... prego si accomodi... la storia è questa.
(ho anche messo nella pagina principale un template decente)

Auro - 01:28 - Scrivi/Leggi Commenti (1)
13.02.04
 
ehi di casa...

c'è nessuno???
qua si devono ancora imbiancare i muri e appendere i quadri alle pareti...
ma perché altrimenti esisterebbero i weekend...?
portate pazienza, cocchini...

Auro - 20:31 - Scrivi/Leggi Commenti (1)
 
Irata - CSI

Non tornerò mai dov'ero già
Incombere umorale degli affetti del sangue
Incombere umorale delle idee delle istanze
Potessi dirti quello che nemmeno posso scriverti
Esiterei nel farlo...
Oggi è domenica, domani si muore
Oggi mi vesto di seta e candore
Oggi è domenica, domani si muore
Oggi mi vesto di rosso e d'amore
Non tornerò mai dov'ero già
Non tornerò mai a prima, mai
Non tornerò mai a prima, mai
Non tornerò mai dov'ero già
Oggi è domenica, domani si muore
Oggi mi vesto di seta e candore
Oggi è domenica, domani si muore
Oggi mi vesto di rosso e d'amore
(in crescendo)
Ad onta di ogni strenua decisione o voto contrario
Mi trovo imbarazzato sorpreso ferito
Per un'irata sensazione di peggioramento
Per un'irata sensazione di peggioramento
Di cui non so parlare nè so fare domande
Di cui non so parlare nè so fare domande

Auro - 01:59 - Scrivi/Leggi Commenti (0) [ i tentativi di clarence ]
 
dal passato, rivolta verso il futuro

sulla mia scrivania ci sono due quadretti che mi hanno regalato Ale e Matte l'anno scorso a Natale.
quando li avevo ricevuti ero rimasta estremamente colpita da quanto due persone che mi conoscevano da pochissimi mesi avessero potuto azzeccare così bene un regalo di Natale per me.
quei due plexiglass sono finiti schiacciati dalla polvere, dai fogli, dai cavi e dalla cenere di sigarette.
è il momento di ritirarli fuori, giusto come reminder.
ieri l. mi ha detto "si dice anche ama il prossimo tuo come se stesso, però prima si ama se stessi poi si pensa al prossimo". io ho tutta una serie di amici molto più avanti di me. o che almeno mi tengono il passo.

Auro - 01:58 - Scrivi/Leggi Commenti (0) [ i tentativi di clarence ]
12.02.04
 
sorprese e imprevisti

deidda interpreta fernando pessoa (con la complicità di un enrico rava in grazia di dio).
Depus a Máscara
Depus a máscara e vi-me ao espelho.
Era a criança de há quantos anos.
Não tinha mudado nada...
É essa a vantagem de saber tirar a máscara.
É-se sempre a criança,
O passado que foi
A criança.
Depus a máscara, e tornei a pô-la.
Assim é melhor,
Assim sem a máscara.
E volto à personalidade como a um términus de linha.

Auro - 01:58 - Scrivi/Leggi Commenti (0) [ i tentativi di clarence ]
11.02.04
 
problemi di ogni sorta

oggi ero seduta in metropolitana vicino a una con gli occhi di nutella e mi sono chiesta: "chissà se una come lei ha i problemi che ha una come me...".
oggi ero in fila in posta dietro a una con la faccia come una pizza, che parlava al telefono e sfoggiava un anello con un solitario grande come casa mia, e mi sono chiesta: "chissà se una come lei ha i problemi che ha una come me...".
oggi ero in macchina con r. che discuteva con il marito sulla marca di televisore schermo piatto 32 pollici da comprare. mi sono chiesta: "sono questi i problemi che voglio avere?".

Auro - 01:57 - Scrivi/Leggi Commenti (0) [ i tentativi di clarence ]
10.02.04
 
fata morgana

io ho già la visione della sottoscritta con la fronte appoggiata sulla sua scrivania, mentre con voce sottomessa e dimessa dice "io non so cosa fare".
zero orgoglio, zero schemi. zero schermi.
la solita Auro che si arrende al fatto che fuori c'è un mondo, lì dentro ce n'è un altro.
e che io non posso stare senza la calma apparente che mi invade davanti al quadro delle maschere e al portapenne rosso.
e so che non avrò risposte da quel quadro, che non ho avrò medicine. e so che l'unica medicina sono io, che non so bene se debba essere omeopatica, o antibiotica, o una semplice eutanasia, o un elettrochoc.
quanto tempo avrò a disposizione? quanto tempo ci vorrà? quanto hanno ragione le mani? quanto le risate? quanto la consapevolezza che non riesco a vedere l'ostacolo eppure so che c'è?
quanto vale il fatto che io sto lottando, sola contro tutti, contro me e contro la realtà dei fatti?

Auro - 01:57 - Scrivi/Leggi Commenti (0) [ i tentativi di clarence ]
08.02.04
 
1848: strage di memoria

ho appena terminato "misteri d'italia" che ieri mi capita fra le mani sul bancone del nostro CribbioInviBabe questo libro e cade nella borsa.
sia chiaro, ci cade insieme ad altri 8 libri... (la libreria non ce la fa più).
è la strage dimenticata, il mio primo camilleri. fra l'altro senza il commissario (secondo me questo gioca molto a suo favore). forse l'ultimo.
già finito.
ma non indifferentemente letto.
solo con molta bramosia.
"Non fu certo orgogliosa e dignitosa volontà di non speculare sui morti: la verità è che c'erano morti di buon peso e morti di peso scarso assai. E questa è una verità che ancora oggi, a proposito dei morti freschi di giornata che radio e televisione ci portano come dessert a pranzo e a cena, è assai difficile a dire e difficilissimo poi a fare accettare".

Auro - 01:56 - Scrivi/Leggi Commenti (0) [ i tentativi di clarence ]
 
post confusAuro

scorrono veloci le idee e le parole. avrei voglia di annegare e poi farmi salvare. ma non sono sicura di cosa troverei. di trovare qualcuno che allunghi una mano.
e così ricomincio io, da sola. perché non è tempo per chiedere ad altri. "ricominicio da qui" (lacrus).
un po' come al solito. ma senza chiedermi la perfezione che ho sempre cercato di avere e di dimostrare. Auro può permettersi di essere confusa (grazie l. per avermelo ricordato l'altro giorno) e di prendere abbagli, ma non può permettersi di concedere agli altri quello che non vuole concedere.
ma non è colpa mia se non so giocare il gioco che sto giocando e se qualche volta mi inceppo o inciampo. le regole non sono scritte (per fortuna) e stare dietro a tutte le pedine in gioco non è facile. per nessuno, credo e temo.
in questi giorni in molti mi chiedono "tutto bene?". se andasse tutto bene, tutto come vorrei io, Auro probabilmente starebbe raccontando altro. ma non nego di stare bene, o comunque di avere trovato una tranquillità (seppur confusa e vacillante) che mi permette di respirare, fra un inceppo e un inciampo.
io meriterei tutto quello che sto cercando di avere.
(avere 38 di febbre forse farebbe pensare che domani sarebbe il caso di rimanere a casa, vero?)

Auro - 01:55 - Scrivi/Leggi Commenti (0) [ i tentativi di clarence ]
 
tarantola e la transumanza

iniziamo con il dire che sono stravolta...
okkei, non avrei dovuto farlo... lo sbattimento è stato al limite della mia forza di volontà... mi sa che mi sono anche ammalata definitivamente.
ma grazie a tutti. alla fine è stato tutto così bello e così improvvisato che non mi pareva manco di viverla, questa domenica di sole e di bassa modenese.
(grazie speciale a a., c., f., l. per i viaggi, anche se ho dormito. cosa che mi capita assai di rado...)
oggi ho avuto un po' di idee su come complicarmi ancora la vita. e ho capito che molto spesso gli sms sono amici.
gireranno foto della sottoscritta che non sono riuscita a intercettare e a cancellare.
(il titolo è assai criptico, ma c'è ci capirà...)

Auro - 01:55 - Scrivi/Leggi Commenti (0) [ i tentativi di clarence ]
07.02.04
 
insegnamenti del mercato

lavorare al mercato (per quella che spero sia stata l'ultima volta) insegna come al solito un sacco di cose, basta osservare le persone:
- è passata una ragazza che mi ha tirato scema con la storia che cercava una borsa da usare come bagaglio a mano per il viaggio che sta per fare in india. "ti devi liberare di tutto, quando parti. lasciare a casa tutto il superfluo e portare solo te". secondo me aveva fumato, ma mi ha fatto venire una gran voglia di andarmene via.
- è passato g. che mi ha detto che convive da novembre con a.; la cosa mi ha fatto un sacco piacere anche se poi se ne è andato e io mi sono sentita per due secondi sola.
- è passata una ragazzina che mi ha chiesto consiglio su una gonna da abbinare a un paio di calze autoreggenti rosa fucsia, verde mela, azzurro cielo. "certo che non potevi scegliere cosa piu' ardita" le ho detto io. "sono un regalo di mia mamma". e sticazzi!
- un ragazzo che indossava dei pantaloni da pirata a righe e degli anfibi al ginocchio ha comprato una gonna di velluto a patchwork identica alla mia. mi ha fatto pensare. era (fra le altre cose) molto carino.
- una mamma stava comprando un sacco di roba. non solo ci ha lasciato circa 200 euro, ma poco dopo l'ha raggiunta il figlio (diciamo quattordicenne) che ha urlato "mà, ti ho trovato il vinile che cercavi!": era una cosa assurda con un titolo in cui la parola "orgasmus" era ben in evidenza.
- r. mi ha chiesto di m. e poi mi ha abbracciato.
- e. mi ha detto che in questi due anni il mio sorriso si è allargato e i miei occhi hanno occupato illegalmente la faccia. visto che vivo in un mondo di confusione e orgoglio, gli ho offerto il caffé.
se è veramente l'ultima volta che vado lì, non mi mancheranno la sveglia alle 7 meno un quarto di sabato, il tempo perso, il freddo, il caldo, i piedi che fanno male, gli abiti da togliere dal furgone e da rimettere su a sera tardi, non mi mancheranno le madonne cascate dal cielo e l'isteria di voler andare a casa.
mi mancheranno le facce, le mani, le voci e i sorrisi.
(grazie)

Auro - 01:55 - Scrivi/Leggi Commenti (0) [ i tentativi di clarence ]
06.02.04
 
dove la verde milonga tocca il mare

stasera ho pensato a un sacco di cose, chiudevo gli occhi e facevo finta di non essere nel teatro (caro) più scomodo del mondo (ho scritto caro perchè, signori miei... almeno l'elfo non costa così tanto).
c'era tra noi un gioco d'azzardo
ma niente ormai nel lungo sguardo spiega qualcosa
forse soltanto certe parole sembrano pianto sono salate
sanno di mare chissà tra noi si trattava d'amore...
paolo conte è un signore e si presenta in scena senza coriste (dani!...) e soli uomini (ma che sax alto!) e ti incanta così tanto che di dove sei non te ne frega nulla.
e mi sono immaginata una cosa fuori dal mondo tipo una rotonda sul mare, ma inteso proprio come "in mezzo" al mare e il pubblico sulla spiaggia. io adorerei questa cosa.
telo, maglietta a maniche lunghe, acqua e solo musica.
ma non parlo di te io parlo d'altro
il gioco era mio lucido e scaltro
io parlo di me di me che ho goduto di me che ho amato e ho perduto
e trovo niente da dire o da fare però tra noi si trattava d'amore
il tipo dietro di noi era anche simpatico e non ho fatto in tempo a ringraziarlo. il tipo affianco a me non era come se lo aspettava r., ma va bene lo stesso.
splendide luci, splendide note.
e un sacco di pensieri che per un po' sono stati zittiti. e se ho sbagliato, scusami.
c'era tra noi un gioco d'azzardo
gioco di vita duro e bugiardo
perché volersi e desiderarsi facendo finta di essersi persi
adesso è tardi e dico soltanto che si trattava d'amore e non sai quanto
grazie signor Conte, mi ha regalato una bellissima serata.
"gioco d'azzardo", paolo conte

Auro - 01:54 - Scrivi/Leggi Commenti (0) [ i tentativi di clarence ]